Come si Diventa Croupier?

Brando Guidacci
November 22, 2022
168 Visite
Notizie

Sempre più giovani italiani negli anni hanno espresso il desiderio di diventare croupier, uno dei mestieri più affascinanti nel mondo del gioco.

Se pertanto ti sei sempre chiesto come si faccia a diventare croupier ma non hai mai trovato informazioni complete e aggiornate, sei sicuramente nel posto giusto.

In poche parole, cosa fa un croupier?

Se hai frequentato almeno una volta un casinò, ti sarai reso conto di quanto sia importante la figura del croupier per il corretto svolgimento dei giochi da tavolo.

Il croupier è infatti un professionista essenziale per lo svolgimento del gioco d’azzardo, occupandosi di gestire le partite in un casinò

Anche se la seguente lista non è esaustiva, posso certamente ricordare come un croupier si occupi di:

  • Distribuire le carte ai giocatori durante i giochi come il BlackJack o il Poker;
  • Girare la ruota e distribuire le fiche durante la Roulette;
  • Controllare le puntate dei giocatori e curare ogni altra forma di interazione;
  • Gestire i pagamenti delle vincite;
  • Assicurare il rispetto delle regole del gioco intervenendo in caso di comportamenti scorretti;
  • Fornire informazioni sulle regole e sulle probabilità di vincita;
  • Effettuare una tempestiva e ordinaria manutenzione delle attrezzature di gioco.

Come risulta ben evidente, si tratta di attività che sono indispensabili all’interno di un casinò e, come avrò modo di ricordare nelle prossime righe, anche all’interno di un casinò online.

Non sfugge ai giocatori delle piattaforme digitali, infatti, come i casinò online AAMS abbiano da tempo attrezzato delle vere e proprie sale televisive in cui a condurre il gioco è un croupier in carne e ossa, in grado di replicare la stessa esperienza interattiva di cui si potrebbe godere in un casinò tradizionale, ma con la comodità di poter giocare dal proprio divano! 

Quali sono i requisiti per diventare un croupier?

Nello scorso paragrafo ho cercato di ricordare quali siano le principali attività di un croupier. Ma quali sono i requisiti per diventare un professionista del gioco da casinò?

I requisiti di base per diventare un croupier professionista non sono troppo stringenti. Bisogna infatti:

  • Avere un’età anagrafica pari ad almeno 18 anni;
  • Non avere riportato condanne penali;
  • Non essere affetti da daltonismo;
  • Disporre di un diploma di scuola secondaria (non è dunque necessaria una laurea).

Anche se i croupier sono in buona parte uomini, non è ovviamente un requisito essenziale il sesso maschile. Anzi, è lecito ricordare come – soprattutto nei casinò online – la figura dei croupier donne è sempre più diffusa, con grande soddisfazione e professionalità.

Costituisce sicuramente un valore aggiunto la buona presenza: il croupier non deve certamente essere necessariamente un modello, ma è comunque un plus poter disporre di un aspetto gradevole e curato, che possa rispecchiare l’immagine del brand che si intende rappresentare.

Per quanto infine riguarda le abilità e le competenze ulteriori, non sono richieste particolari esperienze nel gioco d’azzardo, contrariamente a quanto si possa immaginare: i corsi di formazione a cui i croupier vengono indirizzati sono infatti in grado di sopperire a eventuali carenze in materia.

Costituiscono inoltre ulteriori requisiti preferenziali, che possono essere sviluppati nel tempo, anche le competenze matematiche e di comunicazione, così come quelle legate alla destrezza manuale.

Esistono formazioni o qualifiche per fare i croupier

Esistono formazioni o qualifiche per fare i croupier?

Come tutti i mestieri che richiedono specifica professionalità, esistono anche dei corsi di formazione specifici che preparano al mestiere di croupier.

Di norma quelli che puoi trovare in Italia sono a pagamento, con costi tra i 1.000 e i 2.000 euro per l’intero percorso formativo. La durata è di circa 3-4 mesi. 

Al termine dei corsi, viene rilasciato un attestato di formazione che è generalmente riconosciuto a livello nazionale e internazionale. In alcuni casi, il certificato potrebbe essere fortemente richiesto dai casinò che assumono.

Per quanto riguarda il programma di tali percorsi formativi specifici, è di solito compresa una parte teorica in cui si apprendono le regole e le tecniche di base per la gestione dei giochi da casinò più comuni, come ad esempio il Blackjack, il poker o la mitica roulette.

Un’altra parte dei programmi formativi è poi legato allo sviluppo delle abilità e delle competenze aggiuntive oltre a quelle relative ai giochi, di cui abbiamo parlato nelle scorse righe. Si pensi, a titolo di esempio, alle skill sulla comunicazione e sulla gestione delle emozioni, che rappresentano elementi fondamentali per lavorare in un ambiente fortemente dinamico e a stretto contatto con i clienti

Come trovare lavoro come croupier? 

Se il tuo interesse è quello di trovare lavoro come croupier, probabilmente ti stai anche domandando dove poter trovare occupazione in questo settore.

Una prima fonte è quella dei siti internet specializzati nel recruitment. Puoi trovare delle offerte di lavoro per croupier nei casinò online su jooble.org, indeed.com, subito.it e altri ancora. A scanso di equivoci, non abbiamo trovato tantissime opportunità, ma comunque sono almeno 10 le posizioni aperte, che potrebbero fare al caso tuo.

Una seconda fonte di lavori è quella che ti porterà a proporti direttamente nei casinò, soprattutto se di respiro internazionale. Per esempio, mentre stiamo scrivendo il Casino di Lugano (casinolugano.ch) sta cercando proprio dei croupier con i seguenti requisiti:

  • Almeno 5 anni di esperienza nel settore;
  • Conoscenza dei giochi di Black Jack, American Roulette, Ultimate Texas Hold’em, Punto banco e Poker Cash Game;
  • Ottima conoscenza della lingua italiana e una buona conoscenza della lingua inglese e delle lingue nazionali.

Non è dato sapere quali siano le condizioni di lavoro, ma sul sito internet è possibile inviare un’e-mail con cui richiedere maggiori informazioni o proporre il proprio profilo.

Un’altra fonte molto comune di posti di lavoro come croupier è poi legato ai social network: esistono infatti dei gruppi appositi per le professioni nel gioco d’azzardo. Sebbene la maggior parte di questi gruppi sia in inglese e abbia un approccio volutamente internazionale, seguirli è sicuramente una buona abitudine.

Una volta stretti i contatti con il casinò che sta assumendo, si arriverà presumibilmente a essere coinvolti per un primo colloquio che, nelle fasi iniziali, potrà avvenire direttamente online.

Durante questi colloqui è sicuramente utile condividere le proprie passioni e le proprie aspettative per il gioco d’azzardo, esprimendo il proprio interesse a perseguire una carriera in questo senso. È anche bene rendersi disponibili a condizioni di lavoro flessibili e non temere un’esperienza internazionale, considerato che molti casinò che assumono croupier si trovano al di fuori del territorio nazionale.

Come vive un croupier

Come vive un croupier?

Come abbiamo visto, una volta terminato il corso è possibile mettersi alla ricerca di un lavoro come croupier in un casinò fisico o in uno virtuale che preveda una sezione di live casinò. Non dovrebbe essere molto difficile trovarne uno, considerato che tutti i casino online di primo livello permettono ai propri giocatori di vivere un’esperienza live.

Per quanto poi riguarda i guadagni, un croupier che si trova alle prime armi e che magari sta avviando la propria prima professione in questo settore, può ricevere uno stipendio tra i 1.200 e i 1.300 euro al mese. Tuttavia, con l’esperienza il croupier può salire di livello e divenire un professionista sempre più ambito dalle case da gioco.

Considerato che i croupier veramente bravi sono molto rari e che un punto di riferimento in questo ambito può ottenere una remunerazione anche di 5.000 euro al mese.

A questo elemento va poi aggiunto un altro spunto che non deve passare inosservato: le mance. È infatti abitudine frequente, da parte dei giocatori (soprattutto se hanno vinto una mano particolarmente fortunata) lasciare al croupier una mancia. Credimi: in molti casi le mance possono ben superare l’importo dello stipendio, rendendo così il mestiere di croupier ancora più succulento! 

Passando poi alla giornata tipica di un croupier, di solito il suo lavoro si svolge in orari notturni che, non di rado, possono sfociare nelle prime luci dell’alba! Si tratta pertanto di un lavoro che ritengo possa essere raccomandato soprattutto a chi non ha alcun timore di lavorare per lunghe ore durante la notte e che pertanto può vedere un po’ modificata il ritmo abituale di sonno e veglia. 

Per il lavoro che svolge, inoltre, il croupier deve essere ben in grado di gestire lo stress e il lavoro su turni: la sua figura dovrà infatti essere sempre un punto di riferimento di ciò che avviene all’interno del casinò e del suo tavolo da gioco e, proprio per questo motivo, è bene che si comporti con la giusta calma, sicurezza e affidabilità.

Molto dipende poi, ovviamente, dal tipo di struttura in cui andrà a lavorare il croupier.

Per esempio, lavorare in un casinò di lusso richiederà probabilmente un livello di professionalità e di esperienza superiore. Ci si può però anche attendere dei criteri di lavoro più rigorosi e una migliore organizzazione in termini di turni e orari.

Di contro, il lavoro nei casinò locali potrebbe essere più utile per quei croupier che sono alle prime armi, ma di solito è anche vero che nei casinò di piccole dimensioni le condizioni di lavoro richieste potrebbero essere più flessibili.

Un cenno separato va sicuramente effettuato per i casinò online. In questo caso non vi è alcun tipo di interazione diretta con il pubblico e generalmente il ruolo dei croupier è ben schematizzato all’interno di un calendario di appuntamenti dal vivo. Al croupier è però richiesta in più – rispetto al lavoro nei casinò fisici tradizionali – la capacità di gestire correttamente le interazioni con il pubblico online e, dunque, una migliore dimestichezza con gli strumenti informatici.

Ti consiglio di fare il croupier?

Sono così giunto alla fine della mia guida su come diventare croupier: un approfondimento che spero ti abbia chiarito un po’ di dubbi su questa professione di nicchia che, però, può garantirti davvero delle interessanti prospettive!

Ma ti consiglio di fare il croupier o no? Condividiamo subito che il croupier è un mestiere davvero particolare per caratteristiche, peculiarità, turni di lavoro, opportunità di crescita e di guadagno.

Mi sento in particolar modo di consigliare questa professione a chi non ha alcun timore di viaggiare e di cambiare struttura (spesso i migliori croupier sono particolarmente ambiti tra vari casinò) e che non disdegna di lavorare in modo flessibile, per tutta la notte o, comunque, per ampie porzioni della stessa.

Per quanto concerne la remunerazione, ritengo che lo stipendio del croupier possa essere molto allettante anche per nuove professionalità, e non solo per quelle più esperte.

Se infatti è vero che lo stipendio di base tende a non essere particolarmente appetibile – soprattutto per chi lavora in piccole strutture – è anche vero che spesso la remunerazione più ghiotta per i croupier è costituita dalle mance che i clienti vincenti sono soliti elargire nei loro confronti.

Passando poi alle prospettive di sviluppo professionale, stai pur certo che non mancano: se saprai dimostrare la giusta professionalità e un buon livello di ambizione, sarai molto richiesto da altri casinò e, comunque, potrai assumere ruoli di crescente responsabili anche in quello che ti ha assunto.

Naturalmente, ti invito anche a considerare il fatto che fare il croupier non è certo una passeggiata.

Il lavoro richiede infatti un costante impegno e una capacità di gestire situazioni di forte stress: considera, ad esempio, che un errore da parte del croupier potrebbe portare all’annullamento di una mano di gioco in cui – magari – un giocatore era particolarmente ben esposto.

Inoltre, il lavoro richiede anche una buona resistenza: si tratta infatti di sovraintendere i tavoli da gioco per diverse ore, durante la notte. La lucidità e la prontezza di riflessi che è richiesta, così come la destrezza nel distribuire le carte o gestire il tavolo della roulette, può infatti scendere con il passare del tempo, esponendo il croupier a un maggiore rischio di errori.

Infine, ricordiamo che al croupier è sempre richiesta una cortesia e una disponibilità nei confronti dei giocatori: caratteristiche che potrebbero non essere alla portata di tutti e che dovrebbero essere sempre allenate e affinate.

Autore Brando Guidacci

Brando è uno scrittore di contenuti specializzato nel settore dei casinò online. Nato e cresciuto in una famiglia Milanese, Brando ha sviluppato fin da giovane una grande passione per i giochi di carte e da tavolo. Dopo aver conseguito una laurea in letteratura, Brando ha iniziato a scrivere articoli per diversi siti web dedicati ai casinò online. La sua capacità di scrivere testi chiari e accattivanti, insieme alla sua conoscenza del settore dei giochi online, gli ha permesso di diventare rapidamente uno scrittore molto apprezzato.

Pagina di Brando Guidacci
215 articoli e recensioni scritte