Le perdite più famose nel mondo del gioco d’azzardo

le perdite più famose nel mondo del gioco d’azzardo

Una delle perdite rimaste più famose all’interno del mondo del gioco d’azzardo corrisponde al nome di Steve Richard, il quale perse 30.000 sterline in seguito ad una serie di scommesse sportive. Steve Richards non era estraneo al mondo delle scommesse sportive. Egli, infatti, passava buona parte del suo tempo a guardare Cardiff City e le altre squadre preferite all’interno di un pub. Tale conoscenza ha iniziato a dare i suoi frutti già durante l’anno 2013.

Il protagonista della nostra storia, in quel periodo, stava giocando ad una scommessa su un accumulatore. Egli iniziò con 10 sterline e, in seguito a 12 vittorie, la cifra aumentò fino ad arrivare a raggiungere le 40.000 sterline. Molti giocatori molto probabilmente si sarebbero fermati qui ma per Steve non fu così.

Egli puntò, infatti, 30.000 sterline per la squadra di calcio gallese durante una partita con l’Australia e, così facendo, perse ogni cosa. Avrebbe potuto vincere altre 55.000 sterline se la sua squadra avesse vinto, ma così non fu. L’Australia, infatti, vinse 30 a 26.

Una seconda famosissima perdita all’interno del mondo del gioco d’azzardo corrisponde al nome di Mark Jonston, il quale fu in grado di perdere mezzo milione di dollari giocando d’azzardo in una sola notte all’interno del Downtown Grand di Las Vegas sui tavoli di blackjack e poi gow.

L’uomo tentò di fare causa al Grand sostenendo che esso non avesse il diritto di prestargli denaro dato il suo stato di ubriachezza, citando una legge del Nevada che impedisce ai casino di permette a clienti chiaramente ubriachi di prendere parte a giochi d’azzardo. Il caso, nonostante abbia avuto luogo circa due anni fa, è ancora aperto all’interno del Tribunale aziendale della contea di Clark.

Al terzo posto troviamo Bruno Venturi. Giocatore d’azzardo italiano proprietario di un negozio di animali in quel di Napoli, Bruno Venturi ha perso 707.000 euro all’interno di un casino online. Inizialmente egli aveva puntato circa 20 euro, effettuando alcune scommesse su Eurobet UK.

Tuttavia, prima che potesse rendersene conto, il suo saldo corrispondeva a 700.000 sterline. La vincita, tuttavia, fu ritenuta nulla in quanto il software non aveva effettivamente calcolato le scommesse in maniera corretta. La sentenza dell’ Alta Corte sancì una sua perdita corrispondente a circa 60.000 euro.

400% fino a 1000€ + 50 Giri Gratis
Termini & Condizioni
Starcasinò opera in virtù delle licenze, rilasciate e regolamentate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Autorità per il Gioco a distanza in Italia).
  • Grafica stupenda
  • Assitenza Clienti Perfetta, la numero uno in Italia
  • Bonus Di Benvenuto Alto
125% fino a 500€ con 20€ senza deposito
Termini & Condizioni
888 Casinò opera in virtù delle licenze, rilasciate e regolamentate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Autorità per il Gioco a distanza in Italia).
  • Software di Proprietò creato ad hoc per i tutti i tipi di giocatori
  • 20€ di Bonus senza deposito
  • Non ha limiti di Prelievo
100% fino a 1000€ + 10€ Senza Deposito
Termini & Condizioni
Snai opera in virtù delle licenze, rilasciate e regolamentate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Autorità per il Gioco a distanza in Italia).
  • Bonus di 5€ senza deposito
  • Affidabilità e sicurezza
  • Tantissime Slot con Jackpot almeno 50
100% fino a 300€
Termini & Condizioni
Starvegas opera in virtù delle licenze, rilasciate e regolamentate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Autorità per il Gioco a distanza in Italia).
  • Supporta tantissimi metodi di Pagamento
  • Vasta Gamma di Slot da Bar
  • Sito user friendly
100% fino a 1.200€
Termini & Condizioni
Luckia Casino opera in virtù delle licenze, rilasciate e regolamentate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Autorità per il Gioco a distanza in Italia).
  • Registrazione Facile da Eseguire
  • Ottimo Servizio Clienti

Altre storie

altre storie

Un’altra storia di perdita molto conosciuta nel mondo del gioco d’azzardo corrisponde al nome di Harry Kavava, il quale perse circa 30 milioni di dollari in seguito ad un’enorme ed infinita battaglia legale.

Il nome di Harry Kakavas corrisponde a quello di un grande magnate del mondo immobiliare australiano, in grado di accumulare circa 60 milioni di dollari in seguito a più di 25 anni di attività. Egli si concentrò sulle proprietà di lusso situate lungo la Hedges Avenue, uno dei quartieri australiani più famosi e invidiati.

Il suo patrimonio, tuttavia, subì danni piuttosto ingenti a causa della dipendenza patologica dal gioco d’azzardo che l’uomo sviluppò qualche anno più tardi. Tutto iniziò nel momento in cui conobbe il Crown Casino di Melbourne. Diventò un cliente affezionato del casino, tanto che i direttori del casino avevano premura di assicurarsi di soddisfare ogni capriccio possibile, offrendo a quest’ultimo le suite più costose in assoluto, dotate dei migliori servizi, mentre lui perdeva centinaia di migliaia di dollari nel gioco.

Tra il giugno 2005 e l’agosto 2006, Kakava arrivò a fare circa 1,5 miliardi di scommesse all’interno dei tavoli di baccarat per una perdita totale di 30 milioni di dollari. Dopo aver preso coscienza del proprio disturbo, egli decise di fare causa al casino. Tuttavia, dopo una battaglia legale molto intensa, i tribunali australiani decisero di darla vinta al Casino.

Accettata la decisione del tribunale, dichiarò alla stampa di essere andato avanti cercando di lasciarsi alle spalle quanto accaduto. Tornò a lavorare nel mondo immobiliare, nonostante avesse a che fare con clienti certamente meno abbienti.

L’ultima storia ha come protagonista Terrance Watanbe, il quale perse 127 milioni di dollari in un solo anno. Egli si colloca al primo posto in termini di perdite epocali nel gioco d’azzardo. Dopo aver ereditato dal padre la Oriental Trading, società di grande successo, Terrance iniziò a fare viaggi nella città di Las Vegas.

Terrance divenne uno dei giocatori perdenti più amati del Caesars Palace e di Rio. Nel 2007 egli trascorse giornate intere a giocare accumulando, entro la fine dell’anno, una spesa totale in scommesse pari a 127 milioni di dollari. Le perdite di Terrance, in poche parole, rappresentarono circa l’1/20 delle entrate in gioco d’azzardo per tutta la città di Las Vegas durante quell’anno.

Relevant news